Centro Cicogne Racconigi

Cliccare per ingrandire

SUPERFICIE: 6 ha, dei quali 2 di palude.
ANNO DI ISTITUZIONE: 1985
UBICAZIONE E ACCESSIBILITÀ: Autostrada A6 Torino Savona, uscite Marene o Carmagnola, direzione Racconigi. Giunti a Racconigi, dalla piazza del Castello Reale prendere la strada per Murello-Pinerolo e seguire le indicazioni per il Centro LIPU.
INFORMAZIONI: Centro Cicogne LIPU Racconigi, via Stramiano 32, 12035 Racconigi (CN) tel. 0172/83457.
PERIODO DI VISITA: tutti i giorni dell'anno, festivi inclusi (dalle 10 al tramonto).
Visite guidate per gruppi o scolaresche devono essere
prenotate al Centro visite.
Possibili chiusure nei mesi invernali per le condizioni atmosferiche.
Il centro è accessibile ai portatori di handicap.

Centro Cicogne Racconigi

Il primo Centro Cicogne creato nel 1985 dalla LIPU è situato nei pressi di Racconigi, nella provincia di Cuneo. Il centro è stato recentemente ampliato con la ricreazione di un'ampia palude destinata alla sosta degli uccelli in migrazione per facilitarne la riproduzione.

Inoltre, dal 1989, è operativo il Centro Anatidi che include, oltre al programma di reintroduzione del gobbo rugginoso estinto in Italia dal 1976, la protezione e la conservazione di molte specie di anatre, oche e cigni. Tra le specie più minacciate ricordiamo la moretta tabaccata, il fistione turco e l'anatra marmorizzata. Il Progetto Cicogne LIPU, che trova il suo coronamento nel centro di Racconigi e negli altri centri realizzati successivamente, ha raggiunto l'importante obiettivo di far tornare le cicogne nel nostro paese iniziando a ricostituire la popolazione nidificante una volta esistente. Era infatti dal 1700 che la cicogna bianca non si riproduceva più in Italia, sia a causa dell'eccessiva caccia e del disturbo e saccheggio dei nidi, sia per le trasformazioni ambientali.

Nel 1985 arrivarono al centro di Racconigi le prime 10 cicogne donate dal centro svizzero di Altreu e nella primavera del 1986 già la prima coppia nidificò, dando quindi inizio ad una nuova generazione di cicogne italiane. E al numero di cicogne nidificanti a Racconigi, che è andato aumentando progressivamente negli anni, si sono aggiunte le cicogne selvatiche che, attratte da quelle ospitate nel centro LIPU, si sono fermate in zona per la riproduzione.

Un successo raggiunto grazie ad un programma di azioni molto concrete ed efficaci: programmi di educazione al rispetto delle cicogne, attività di repressione del bracconaggio, protezione degli habitat, sorveglianza e protezione diretta dei nidi, realizzazione di Centri Cicogne per la reintroduzione della specie.

La cicogna bianca è un uccello migratore di grandi dimensioni (1 metro di altezza, con apertura alare di 180 centimetri) che vive in ambienti aperti come paludi, praterie umide e pianure erbose. Nidifica in Europa e nel Nordafrica e sverna in Africa. Nidifica su alti edifici, comignoli, campanili e anche sui tralicci dell'alta tensione. In marzo e aprile avviene la covata delle uova che, dopo un mese circa di incubazione, si schiudono dando alla luce i pulcini. I piccoli impiegheranno circa tre mesi prima di prendere il volo.

Il gobbo rugginoso è un'anatra migratrice minacciata a livello mondiale che si è già estinta durante questo secolo in molti paesi europei. È un animale gregario che predilige le acque interne con canneti e lagune salmastre, dove si immerge alla ricerca di cibo, e nidifica tra i mesi di maggio, giugno e luglio. Il maschio ha un aspetto caratteristico nel periodo riproduttivo, il becco blu, la testa bianca e il corpo brunastro, mentre la femmina è più scura con le guance chiare e il becco nero. Cause principali della sua estinzione sono la bonifica delle zone umide e la caccia. Il Progetto LIPU si svolge in due fasi: la prima di riproduzione nei Centri Anatidi come quello di Racconigi, la seconda di reintroduzione in ambienti naturali.

Il Centro Cicogne LIPU Racconigi è ospitato all'interno di un grande cascinale ed è composto da alcune voliere e da una nursery per i piccoli appena nati, oltre che da una zona con laghetti dove sono ospitate moltissime specie di anatre. È dotato di un Centro visite, sala per proiezione, Sentiero natura, capanni di osservazione del gobbo rugginoso e degli uccelli migratori. Completano le strutture una palude didattica, il parcheggio e un'area attrezzata.